Aggiornamenti in Ematologia

 

Ematologia.net

https://www.ematologia.net/

Ematologia, le Novità in Ematologia. Ematologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sulla terapia dei Tumori ematologici e della Emofilia. Focus su …

Policitemia vera e trombocitemia essenziale … – Ematologia.net

https://www.ematologia.net/…/policitemia-vera-e-trombocitemia-essenziale-aggiornam…

Policitemia vera e trombocitemia essenziale: aggiornamento su diagnosi, …

Ematologia News – Ematologia.net

https://ematologia.net/?q=Fludarabina

Bendamustina e Rituximab versus Fludarabina e Rituximab nei pazienti con …

Ematologia News – Ematologia.net

https://www.ematologia.net/?q=Mozobil

L’efficacia e la sicurezza di Plerixafor ( Mozobil ) più G-CSF ( fattore stimolante …

OncoEmatologia: Ematologia Oncologica Leucemia

https://www.oncoematologia.net/

Ematologia oncologica. OncoEmatologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sulla Terapia dei tumori ematologici. Focus su: Leucemia, Linfoma, Mieloma, .

Novità sulla Leucemia linfoblastica acuta di tipo B

Leucemia linfoblastica acuta di tipo B: alcune cellule predicono la recidiva già dalla diagnosi

Ricercatori del Centro di Ricerca Matilde Tettamanti e dell’Università di Stanford ( California; Stati Uniti ) hanno scoperto che è possibile prevedere fin dalla diagnosi se i pazienti colpiti da leucemia linfoblastica acuta di tipo B ( B-LLA ) avranno una più elevata probabilità di ricaduta dopo i trattamenti.

I ricercatori hanno osservato che alcune particolari caratteristiche funzionali della cellula tumorale, associate alla ricaduta di questa malattia, sono già presenti al momento della diagnosi.
Finora occorre aspettare la risposta al trattamento e la verifica molecolare della cosiddetta malattia residua minima, per stabilire l’eventuale rischio di ricaduta.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Medicine. ( CONTINUA )

Leucemia mieloide acuta: Vidoza

Novità nel trattamento della leucemia mieloide acuta: Vidoza

L’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ) ha approvato Vidaza ( Azacitidina ) nel trattamento dei pazienti adulti con leucemia mieloide acuta ( LAM ) e blasti midollari superiori a 30%, non-eleggibili al trapianto di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ).

La leucemia mieloide acuta è una rara e grave forma di tumore ematologico; si sviluppa dal midollo osseo e tende a progredire velocemente a causa della rapida crescita dei progenitori ematopoietici anomali che si accumulano nel midollo osseo e interferiscono con la normale produzione delle cellule del sangue.
In Italia i dati dell’Associazione Italiana Registri Tumori ( AIRTUM ) stimano poco più di 2.000 nuovi casi di leucemia mieloide acuta ogni anno.

La malattia, caratterizzata da prognosi infausta, colpisce in prevalenza pazienti di età media alla diagnosi di 68 anni, i quali in molti casi risultano non-eleggibili al già di per sé limitato numero di opzioni terapeutiche. ( CONTINUA )